8 Mar Generazioni in Vigna

Tags: agricoltura sostenibile cantina sandre famiglia sandre lotta integrata vigneti

I cambi generazionali determinano nelle aziende a conduzione familiare anche dei grandi cambiamenti di gestione.

Ogni generazione scavalla all’incirca 20-30 anni e considerando il ‘900 come uno dei secoli più veloci, di cambiamenti ce ne sono stati parecchi.

Anni '50

Negli anni ’50 è iniziata l’era del Nonno Luigi e la Nonna Dorotea periodo in cui l’azienda agricola si è concentrata quasi esclusivamente sulla viticultura e la vinificazione. Il concetto di agricoltura di quegli anni era basato sulla quantità della produzione e sui vini da vendere in totalità sfusi e che potessero durare da una vendemmia all’altra. Di conseguenza anche le pratiche in vigna erano a favore della produzione massiccia, iniziava una parte di meccanizzazione, ma la maggior parte del lavoro era concentrato sulla manodopera.

Anni '80

Dagli anni ’80 Lino e Angelo hanno condotto l’azienda ad un passaggio importante con la nuova cantina e nuovi vigneti rafforzando la diffusione del nome della casa vinicola. Sono stati anni in cui si è ampliata la gamma dei vini in bottiglia e nuove etichette, di nuove aperture commerciali all’estero. L’agricoltura di quegli anni doveva rispondere ad un mercato che stava in equilibrio fra la quantità e la qualità, non era così evidente ed importante l’attenzione all’ambiente, ma piuttosto lo sviluppo della meccanizzazione e l’investimento su nuove macchine utili al lavoro.

Anni '00

L’ingresso in azienda di Marco e Ylenia all’inizio di questo secolo è coinciso, con l’arrivo di quattro bambini in pochissimi anni, con una coscienza nuova di avere più attenzione nell’ambiente, con una richiesta anche da parte del mercato di una viticoltura più accorta al futuro.

Inizia il percorso prima in vigna per la certificazione SQNPI e quindi un tipo di agricoltura che promuove la pratica della lotta integrata con l’eliminazione del diserbo e la riduzione dei trattamenti in campo. Negli anni questo ha rispristinato una biodiversità nelle vigne e la presenza sempre più naturale ed intensiva di insetti impollinatori.

La costante che ci portiamo dietro da sempre è la presenza di una stalla nella nostra azienda che oggi ospita cavalli, asini, capre e anche Gianna la nostra maialina mascotte.

Se venite a trovarci in cantina potete passeggiare tranquillamente in mezzo i filari e vedere i nostri animali.